“Specchio di soave maternità e di virtù domestiche”

Messina 22 novembre 2017

Si è celebrata nello splendido scenario della Chiesa dello Spirito Santo di Messina, gremita di fedeli e legata alla memoria del santo del “Rogate Evangelico”, Annibale Maria Di Francia, la Solenne Celebrazione Eucaristica in suffragio della Regina Elena, benefattrice della Città di Messina all’indomani del tremendo terremoto che, all’alba del 28 dicembre 1908, colse la popolazione ancora nel sonno.  L’evento, in ricordo del 65° anniversario del Dies Natalis della Sovrana e nell’80° anniversario dal ricevimento della onorificenza di Rosa d’Oro della Cristianità.

Il Pontefice S.S. Pio XII definì «specchio di soave maternità e di virtù domestiche» come pure «Signora della Carità benefica», e, che per gli altissimi meriti, fu insignita dal Suo predecessore, l’allora Papa Regnante Pio XI, della più alta onorificenza riservata ad una donna: la Rosa d’Oro della Cristianità.

 ‘Carissima Figlia: le virtù domestiche e pubbliche e le fulgide doti di mente e di cuore che adornano l’animo Tuo, ci hanno mosso a concedere alla Maestà Tua il dono della Rosa d’Oro che Noi abbiamo benedetta e consacrata secondo l’antichissimo rito trasmessoCi dai Nostri Predecessori. Essa non è colta da Noi tra gli innumerevoli fiori, che l’alma terra produce, e che in brevissimo tempo appassiscono e muoiono; ma, come ben sai, è perenne simbolo ed espressione di cristiana virtù; perciò il soave effluvio che da essa emana, significa «il buon odore di Cristo» che deve accompagnare la nostra vita. Desideriamo quindi che Tu non riguardi soltanto il lavoro del cesello, ma che soprattutto Tu consideri ciò che il fiore rappresenta, ed anche la paterna benevolenza di cui è pegno. Nella piena fiducia che, ricevendo questo dono, l’animo Tuo sempre più si accenda all’amore e al culto della Religione, Ti preghiamo dall’onnipotente Iddio ogni vera felicità e più eletta grazia, dei quali fervidi voti: è auspicio la Benedizione Apostolica, che di gran cuore impartiamo a Te Carissima Figlia Nostra in Cristo, e a tutta la Tua Augusta Famiglia.’ Dato a Roma presso S. Pietro «sub anulo Piscatoris»  il giorno 7 marzo 1937, anno XVI del Nostro Pontificato.
La città di Messina possiede l’unico monumento marmoreo dedicato alla Regina Elena, realizzato e fortemente voluto dalla popolazione e dalle Autorità cittadine, in segno di gratitudine.

You may also like...